/

LE HMG ALL’ORIENTALE

 

Da oltre un secolo le HMG (Heavy Machine Gun) sono presenti sui campi di battaglia di tutto il mondo. Alcune, come la M-2HB Browning, sono rimaste praticamente inalterate e sono state installate su una infinità di piattaforme, dalle jeep ai veicoli corazzati, agli elicotteri e velivoli, senza tralasciare le unità navali.

In questo articolo ci occuperemo di alcuni modelli cinesi di mitragliatrice pesante in dotazione alla PLA (People’s Liberation Army).

La Type 85, diretta evoluzione della Type 77, è una mitragliatrice prodotta dalla Cina in calibro 12,7×108 mm relativamente leggera e compatta, dotata di un treppiede più leggero rispetto alla versione precedente, con la possibilità di una gamba telescopica per l’utilizzo contro obiettivi terrestri e aerei. La massa complessiva supera i 40 kg, con una celerità di fuoco di circa 700 colpi/minuto.

Type 85

Il funzionamento è a sottrazione diretta di gas con meccanismo di chiusura del tutto identico a quello della Type 77. Spesso confusa con quest’ultima mitragliatrice, anche per la presenza dello stesso calcio a stampella, si distingue per avere due maniglie orizzontali a T e un compensatore a due aperture sul vivo di volata. La Type 85 è stata vista in diversi conflitti, soprattutto in Congo e nella Repubblica Centroafricana nonché in Siria, nelle mani di diversi gruppi anti governativi.

La QJZ-89, o Type 89, in calibro 12,7×108 mm, la potremmo definire come la sintesi tecnologica dei precedenti modelli di mitragliatrice pesante in dotazione, come ad esempio la Type 77. L’arma ha un’architettura molto simile alla russa NSV, di cui adotta la medesima calciatura, e impugnatura a pistola inferiore e fusto in acciaio a sezione rettangolare. A quanto pare la Type 89 adotterebbe un otturatore rotante, con un funzionamento ibrido: sottrazione diretta del gas e corto rinculo. L’arma ha un peso complessivo, considerando ache il treppiede, di soli 26 kg. Un valore estremamente basso per una mitragliatrice in calibro .50.

Parimenti alle HMG classiche hanno fatto la loro comparsa, ormai da tempo, modelli gatling a canne rotanti. Già i russi, per implementare le capacità di fuoco dell’elicottero d’attacco Mil Mi 24 Hind, avevano installato, sotto la fusoliera, la Yakushev-Borzov Yak B, una mitragliera a quattro canne rotanti da 12,7×108 mm, in grado di erogare una celerità di tiro di 4000/5000 colpi/minuto. Tale rateo di fuoco si sarebbe rivelato estremamente utile per fornire fuoco d’appoggio alle truppe di terra sovietiche, impegnate nelle gole delle montagne afghane, nel corso dell’invasione del Paese tra il 1979 e il 1989.

Yak B da 12,7×108 mm

A quanto pare i cinesi avrebbero sviluppato, nel 2011, una versione simile a funzionamento elettrico, con un rateo di fuoco di 2000 colpi/minuto, da installate su veicoli ruotati leggeri.

Fonti foto: Wikimedia

Lascia un commento

Your email address will not be published.